giovedì 21 febbraio 2013

Orbs

Concludo per ora il discorso sul filmare l'invisibile, ripreso anche nel precedente post: E' vero se ci credo, facendo un ulteriore esempio che mi è capitato di vivere quando Ratu Bagus mi chiese un video sugli Orbs.

Ho già detto che Ratu Bagus è questo maestro balinese di energia che ha una comunità spirituale a Bali, frequentata ormai anche da molti occidentali. Dal 2007 in poi sono comparsi questi fatidici orbs, che sono cominciati ad apparire in moltissime fotografie che si facevano sul posto.

Cosa sono gli orbs è cosa risaputa, credo, queste bolle luminose di varie dimensioni e quantità che si illuminano con il flash della fotocamera, soprattutto di notte. Cosa penso su ciò che siano in realtà, è per me difficile da dire.



Lascierei perdere la teoria di Wikipedia, che alla voce 'orbs', con la sua solita veemenza dogmatica, afferma che si tratti di semplice pulviscolo o gocce in sospensione nell'aria molto vicini all'obiettivo e per questo non sono a fuoco.

Mi sembra una spiegazione troppo semplicistica. Farei molto più affidamento alle ricerche pubblicate sul sito ORBS che escludono, appunto, la teooria del pulviscolo, data la forma troppo regolare che essi sempre presentano. Loro invece espongono ampiamente una teoria più interessante, quella dei campi elettromagnetici, legati all'elettricità statica.

Inoltre analizzano anche l'approccio fideistico per il quale gli orbs possono essere entità spirituali che si lasciano vedere. A tale ipotesi quelli del sito giustamente non danno una risposta perché si tratta di una questione di fede. Prima di tutto di fede nell'esistenza di tali entità.

Però il riferimento all'energia elettromagnetica lascia aperta questa possibilità per chi vuole vederci elementi del mondo spirituale. E' quasi inutile dire che il maestro Ratu Bagus è di questa opinione. E' comprensibile per uno che fa il suo mestiere.

Non ho mai dato molto peso alle indicazioni verbali del maestro, perché il suo insegnamento per me non passa attraverso la parola, ma è di tutt'altra natura. Inoltre un vero maestro spirituale non ti dice mai le cose come stanno. La verità per lui è sempre ciò che è utile nel momento preciso in cui la pronuncia.

Sta di fatto che presso la comunità balinese c'era grande eccitazione per la serie straordinaria di fotografie scattate là, con migliaia di orbs che ruotavano intorno alla figura del maestro e tra i suoi allievi. Per me la questione era interessante, ma irrilevante rispetto al mio atteggiamento di fondo nei confronti della mia ricerca. Non mi cambiava, non aumentava, né diminuiva nulla.

Però se Ratu Bagus voleva enfatizzare la presenza degli orbs, come conferma del valore spirituale di tutto il lavoro che si faceva nella comunità, per me andava benissimo. Quindi chiedendomi questo video basato sulle foto degli orbs, per me si trattava non tanto di un documentario sugli orbs, visto che non era presente alcun aspetto analitico, ne' tantomeno critico sulla loro natura, quanto un video promozionale sull'attività e la pratica insegnata dal maestro.

In questo senso un video trattato in un certo modo, facendo leva su determinati elementi come la musica, il movimento delle immagini fotografiche e quant'altro, può diventare un veicolo efficacissimo di propaganda. Soprattutto presso delle menti semplici come potevano essere i balinesi.

Inoltre c'era un aspetto interessante legato alla pratica spirituale. In quel momento essa stava subendo una trasformazione formale. Oltre all'usuale shaking, la vibrazione del corpo che si muove attraverso l'energia, si cominciava a giocare con il corpo stesso, facendolo ruotare su se stesso per ore.

Il maestro associava dunque le sfere orbitanti degli orbs al nostro movimento, per accomunarli entrambi al fatto che anche noi, come i pianeti del sistema solare, possiamo viaggiare nel cosmo, visto che si stava raggiungendo dimensioni molto elevate. Nel video lui parla di 'livelli'.

Insomma, c'erano tutti gli elementi per costruire un video di una certa suggestione. E così è stato. Il video ebbe molto successo presso la comunità balinese e quella internazionale di tutti gli allievi di Ratu Bagus nel mondo. Credo stia girando ancora. Ne feci cinque versioni multilingua. Il suo titolo è "Playing with the Planets - Giocando con i pianeti".

Eccolo con i sottotitoli in italiano:

Nessun commento:

Posta un commento